San Gregorio d’Ippona (VV), il 13 marzo il Primo Raduno dei Giganti

San Gregorio d’Ippona (VV), il 13 marzo il Primo Raduno dei Giganti

manifesto raduno giganti

manifesto raduno giganti

di Franco Vallone

É, in assoluto, il primo appuntamento invernale con i raduni dei giganti nella provincia di Vibo Valentia. La Pro Loco San Gregorio, nell’ambito delle manifestazioni previste per il 2011,  ha programmato per il prossimo 13 marzo l’iniziativa denominata “Gigantando – Primo Raduno dei Giganti”.

Nelle intenzioni dell’associazione turistica quelle di voler rivalutare le antiche radici della nostra provincia ponendo attenzione ai mitici fantocci di cartapesta utilizzati nei rituali durante le feste di paese, presenti numerosi nella nostra regione e, soprattutto,  in provincia di Vibo Valentia.

I giganti da corteo, come si ricorderà, sono elementi  rituali molto popolari che si possono ritrovare nelle feste e nelle celebrazioni comunitarie di molti paesi d’Europa. I primi giganti sono citati in alcuni documenti del 1621,  oggi i giganti sono fantocci con la struttura portante in legno, alti anche oltre tre metri con le teste in cartapesta o in resina sintetica, che vengono fatti ballare al ritmo di tamburi, rullanti e grancassa. I giganti sono oggi molto radicati in provincia di Vibo Valentia  territorio che ha ereditato più profondamente questa tradizione mantenendola salda nel tempo e rinvigorendola in questi anni.

Al grande raduno di San Gregorio d’Ippona  hanno aderito numerosi gigantari, tra gli altri si potranno ammirare i giganti “Du professori” dei fratelli Carnovale di San Gregorio; i giganti di Mesiano dei Monteleone; il principe dei Giganti dei Lo Preiato di Vena; i Giganti di Pannaconi; i Giganti e i tamburi di Coccorino; i Giganti di Francesco Maesano di Vibo Marina; “I Giganti del Sud” di  Mancuso di Rombiolo; “I Giganti di San Costantino Calabro”; i Giganti di Mezzocasale; i Giganti di Monteleone di Vibo Marina; i “Giganti da Minera” di Carnovale di Sciconi; i Giganti di Cilurzo di Vena Media; i Giganti di Ionadi di Staropoli; di Nicola Martino di Presinaci e tanti altri ancora.

Il grande raduno di San Gregorio avrà inizio alle ore 14.30 con partenza dalla centralissima piazza Duomo. San Gregorio e le sue strade accoglieranno trenta giganti e circa centoventi tamburinari che partiranno dalla piazza e sfileranno per le vie del centro storico, per fare successivamente rientro in piazza Duomo dove saranno effettuate le personalizzate esibizioni delle coppie. Seguirà la consegna degli attestati e un gran finale con la “Gran tamburriata” dove suoneranno i 120 tamburini contemporaneamente.

L’associazione Pro Loco di San Gregorio d’Ippona ha voluto organizzare, a margine dell’evento, anche un convegno, previsto per l’11 marzo alle ore 11.00, per discutere sugli aspetti culturali di questi allegri fantocci da corteo. Il  convegno, che si terrà presso la sala del centro Anello Mancante di San Gregorio,  avrà come tema:  I Giganti: Tradizione Arte e Religione. Ai lavori, introdotti dal presidente della Pro Loco Gregorio Carnovale, interverranno per i saluti il sindaco di San Gregorio, Michele Pannia, e l’assessore provinciale al Turismo, Gianluca Callipo.

Relazioneranno sul tema il consigliere Nazionale UNPLI, Francesco Todaro; Don Vincenzo Varone, Vicario episcopale per le attività pastorali della diocesi di Mileto; il presidente dell’Accademia di Belle Arti Fidia di Stefanaconi, Michele Licata e il dirigente scolastico del Liceo Artistico di Vibo Valentia, Pietro Gentile. A moderare i lavori il dirigente scolastico Alberto Capria.

Maria Cristina Condello

Maria Cristina Condello ha conseguito la laurea Magistrale in "Informazione, Editoria e Giornalismo" presso L'Università degli Studi Roma Tre. Nel 2015 ha conseguito il Master di Secondo Livello in "Sviluppo Applicazioni Web, Mobile e Social Media". Dal 2016 è Direttore Responsabile della testata giornalistica ntacalabria.it

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *