Tag "detti calabresi"

Detti calabresi: Cu davanti ti lliscia d’arretu ti pìscia!

di Vittorio Savoia – ( Chi davanti ti liscia, alle spalle ti critica!) (Pessimum inimicorum genus, laudantes! – Pessima genia di nemici, gli adulatori!)

Detti Calabresi: Vucca amara non poti sputari duci!

di Vittorio Savoia –  Bocca amara non può sputare dolce! ( mala gallina, malumu ovum! – Gallina cattiva, uovo cattivo!) (Lel in ore, fel in corde! – Miele in bocca,

Detti calabresi: ‘A cardàra gugghj e ‘u porcu è ‘a muntagna!

di Vittorio Savoia La caldaia bolle ed il porco è alla montagna. Non bisogna mai fare le cose affrettate e con largo anticipo, così come non bisogna vendere la pelle

Detti calabresi: ‘A cosa rigalata, veni cara pagata!

di Vittorio Savoia La cosa regalata, viene cara pagata. Alcuni regali, anzicchè arrecarci gioia, ci danno fastidio, perchè, obbligandoci a contraccambiare, c’inducono a spendere più di quanto avremmo pagato noi

Detti calabresi: ‘O caru ‘ccattacci, ‘o mercatu pensaci!

di Vittorio Savoia Acquista quel che costa di più, e stai sicuro che avrai risparmiato! Si sconsiglia di acquistare a prezzo troppo basso. Addirittura è un invito a scegliere la

Detti calabresi: I cunsigghi i’ ll’amici sunnu cari, ma chiddhi da’ to’ testa n’ ‘e rassari!

di Vittorio Savoia I consigli degli amici tienili in conto, ma non ripudiare quelli della tua testa. I consigli degli amici vanno ascoltati, non c’è dubbio, a condizione però d’un

Detti calabresi: ‘A privigenza non è mai suvèrchia!

di Vittorio Savoia La previgenza non è mai troppa. In tempi come quelli che stiamo vivendo, in cui i pericoli di ogni genere stanno in agguato ovunque, la previgenza diventa

Detti calabresi: ‘A pràtica ‘rrumpi ‘a grammatica!

di Vittorio Savoia La pratica rompe la grammatica. Senza la pratica, la sola teoria non serve a niente. Qui, comunque, non si tratta delle regole già combinate, da applicare alla

Detti calabresi: Cu sapi ‘u jocu, nommi parra!

di Vittorio Savoia Chi sa il gioco non parli! Anche quando si racconta una barzelletta, si dice agli astanti: “Quelli che l’hanno già sentita, se ne stiano buoni e zitti,

CHIOVI A NZUPPAVIDDHANU

Piove in modo da inzuppare il contadino Quando piove piano piano, anche se di continuo, il contadino non resiste a rimanere in casa. Va ugualmente nei campi, ritenendo di non