I saluti sulle spiaggie della Jonica

I saluti sulle spiaggie della Jonica

Sarà un lungo fine settimana di saluti sulle spiaggie della Jonica.

Gente che ritorna al Nord perché ha finito le ferie, oppuru finìu ‘i sordi. O magari finìu ‘i giga…

Famiglie che rientrano, lasciando i luoghi natii (parru ‘bbonu, no? :3 ) ma soprattutto i lunghi, commoventi e struggenti addii dei tanti amori nati in riva al mare, fra un divieto di balneazione, un serfi e ‘na scorcia i mulùni…

Amori sbocciati dopu quattru casci ‘i birra Grafenwalders du Lidl, con in sottofondo qualche squallida canzone di Giusi Ferreri… Amori che si lasciano, costretti a dirsi addio, scambiandosi magari qualche braccialetto ‘i 2 euri ‘ccattàtu du marocchinu supr’a spiaggia, con millemila promesse di non lasciarsi mai più, di sentirsi e di rivedersi prima possibile, e “ti chiamo io” – “no ti chiamo io…” – “Vabbonu fa chi cazzu vòi…”!

Storie che oggi si chiamano “amori” e che fra qualche giorno si chiameranno “ha mòriri”…
Amori che, fatalmente, dureranno meno ‘i Paulo Fonseca supr’a panchina d’a Roma…

Rubrica satirica a cura di Fortunato Tripodi