Rubrica “Cocci ì nannàta”, 32esimo numero

Rubrica “Cocci ì nannàta”, 32esimo numero

Eccoci di nuovo on-line con il 32esimo numero di “Cocci ì nannàta”, la rubrica di Fortunato Tripodi che vuole offrire, a chi avrà il piacere di seguirla, un punto di vista alternativo rispetto a fatti di cronaca, ma anche avvenimenti ed eventi personali e collettivi in cui emergono vizi (tanti) e virtù (pochissime) della nostra contemporaneità.

32esimo numero di “Cocci ì nannàta”

ESTATE/1 – E poi ti accorgi che è arrivata l’estate. Tutti quelli che stanno al NordE e per un anno intero schifano il Sud e poi vengono qua a farsi le ferie. Pensi alle code chilometriche in autostrada. Ai parenti che ritornano e ti chiedono “ma ‘u lavuru? Ma a ‘zzita? E quandu ti mariti? Ma chi cazzu stai mi fai ‘ccà?”. I cascìtti i pumadoru i fari, rigorosamente ‘e cinqu ‘i matina. Il solito ed inascoltabile tormentone estivo, le varie “femiglie Brambilla” in spiaggia, i mulingiani e i pipi ‘i cògghiri, nu caddu chi ti faci sudari puru ‘nde mutanti… E ci ripensi e dici: prestu e viàtu mi passa ‘sta staggiuni!

ESTATE/2 – In realtà la vera “prova costume” da superare è quella di ricordarsi in quale purtùso lo hai ‘ncufàto l’anno prima e trovarlo…

ESTATE/3 – ‘Mmazzài na cufa ‘cchiù ‘rossa du debitu pubblicu italiano…

Altri “Cocci ‘i nannàta”

MUSICA/1 – “Il mio corpo è una moqueeeette…” – “na ceretta quandu ta faaaai???”

MUSICA/2 – La valigia sul letto è quella di un lungo viaggio… e dopu aprili…si ‘ndi iu puru maggiu…

CUCUZZA/1 – Ma ‘a cucuzza non si poti fari puru ‘a tipu pignolata? E tutta ‘sta cucuzza chi stamu mangiandu ‘sti jorna, ‘nu pocu non ‘nda sta facendu ‘a pignolata?

CUCUZZA/1 – Ore 22:44. Mia mamma è dalle 14:07 chi frii cucuzza ininterrottamente! È RECORD INDOOR, amiSCi!

IL PROVERBIO DELLA SETTIMANA

Nesci, nesci, nesci suli
pilu Santu Sarbatùri…
Jetta ‘un pugnu di nucìddi
e arricrìa li piccirìddi…
Jetta un pugnu di dinàri
e arricrìa li cristiàni…
Jetta un pugnu di fuméri
e arricrìa li cavaléri…

Leggi anche: 31esimo numero di “Cocci ì nannàta”