Ritardi nei soccorsi in via Cuba, la denuncia di Crea (ANCADIC)

Ritardi nei soccorsi in via Cuba, la denuncia di Crea (ANCADIC)

Via Cuba – Serro Valanidi – Comune di Motta San Giovanni. Vincenzo Crea: “Notevoli ritardi nell’intervento di pronto soccorso di un’ambulanza”.

Ritardi nei soccorsi in Via Cuba

Il Referente unico dell’ANCADIC e Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto” – Vincenzo Crea, in una nota rivolta alle Istituzioni competenti, denuncia quanto accaduto lo scorso 7 gennaio in Via Cuba – Serro Valanidi a Motta San Giovanni (Reggio Calabria).

“Si chiede – scrive – di voler far luce sul gravissimo episodio, da noi preannunciato, che si è registrato all’alba dello scorso 7 gennaio, riguardante il notevole ritardo nel prestare soccorso da parte di un’ambulanza. Questa era stata chiamata ad intervenire in via Cuba presso un’abitazione privata. Un ritardo che avrebbe potuto avere conseguenze tragiche. Tutti sappiamo che i minuti sono preziosi per salvare una Vita.
I ritardi sono riconducibili alla difficoltà di accesso e di percorribilità di via Cuba della frazione Serro Valanidi del Comune di Motta SG, per la sua ristrettezza e per i mancati provvedimenti adottati dall’Ente competente”.

Il fatto

“Invero – spiega Crea – intorno alle ore 6.10 dello scorso 7 gennaio si è reso necessario l’intervento di un’ambulanza per un abitante di via Cuba, signor S. G. colto da malore. L’autista del mezzo di pubblico soccorso ha trovato grosse difficoltà nel raggiungere l’abitazione dell’uomo. Difficoltà riscontate anche nel dover effettuare l’inversione di marcia.
L’ambulanza ha impiegato circa un’ora per percorrere un breve tratto di strada. Questo nonostante l’aiuto fornito, da alcuni abitanti, al conducente del mezzo di soccorso nell’effettuare le manovre, i quali hanno indicato anche il punto ove effettuare l’inversione. Così dopo le prime cure prestate dal medico sul posto si è provveduto a trasportare il signor S. C. presso l’ospedale Riuniti di Reggio Calabria, ove si trova ancora ricoverato.
Potrà riferire compiutamente sull’accaduto il personale sanitario e alcuni abitanti del posto”.

Via Cuba a rischio idrogeologico

“Va sottolineato – aggiunge – che a seguito del nostro intervento presso le Autorità competenti, è intervenuta l’Autorità di Bacino regionale. Il geologo ha quindi certificato che tutto il territorio di Serro Valanidi, quindi via Cuba compresa è a rischio idrogeologico e in merito sono stati interessati gli Enti competenti. Ripetiamo che non si può prevedere il futuro. Da un momento all’altro pertanto si potrebbero verificare calamità naturali che necessiterebbero di immediati interventi di pubblico soccorso. Da subito bisogna intervenire per rendere via Cuba immediatamente transitabile senza difficoltà”.

Le richieste

“Vista la sussistenza dell’effettivo rischio per la pubblica incolumità si chiede di accertare le responsabilità dell’Ente competente e delle Amministrazioni territorialmente competenti, chiamate ad intervenire in danno del soggetto inadempiente.
La strada in questione è usata ogni giorno anche dai mezzi di raccolta rifiuti; se il proprietario del suolo non concedesse l’uso dello spazio privato per effettuare le inversioni di marcia la via Cuba diventerebbe intransitabile. In merito sono state nuovamente interessate tutte le Istituzioni competenti”.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *