Striscia la Notizia al “Riuniti” di Reggio Calabria

Striscia la Notizia al “Riuniti” di Reggio Calabria

Striscia la notizia al “Riuniti” di Reggio Calabria. L’inviato Luca Gualtieri racconta di una struttura ospedaliera formata da molti reparti, alcuni vere eccellenze, ed altri in cui i problemi sono parecchi.

Striscia la Notizia al “Riuniti” di Reggio Calabria, il servizio

Striscia la Notizia, il tg satirico di canale 5, è tornato a Reggio Calabria. Questa volta, l’inviato Luca Gualtieri, ha raccontato l’attuale situazione del Grande Ospedale Metropolitano.

Nel servizio, andato in onda sabato sera, viene evidenziato come nella struttura siano presenti tante eccellenze, ma anche tanti problemi e difficoltà.

In particolare, si fa luce sulla situazione del reparto di Ortopedia. I pazienti, spesso anziani, sono costretti a rimanere nel corridoio per mancanza di posti letto.

“Ieri e oggi… sono qui da tre giorni. Alla fine ho avuto accesso a una stanza solo perché è morto il signore ricoverato dentro”. E’ quanto ha raccontato un paziente ai microfoni di Striscia la Notizia.

C’è il caso di un paziente con frattura scomposta in arrivo da un’altra struttura. L’ortopedico reperibile aveva riferito di non avere posti letto ed ha quindi consigliato l’ospedale reggino.

Tra le difficoltà, nel servizio si mostrano anche punti di ristoro improvvisati su barelle.

Le parole del Primario, dott. Gaetano Topa

Della carenza di posti letto ne ha parlato il primario di Ortopedia, dott. Gaetano Topa, che ha lanciato una vera richiesta d’intervento.

“Questo ospedale – riferisce il dott. Topa – ha delle potenzialità enormi. Ma viene sovraccaricato ogni giorno da un mancato filtro da parte di altre strutture. Questo rende difficoltosi i servizi di assistenza al paziente”.

“Siamo in una situazione di sovraccarico e stanchezza del personale. Abbiamo bisogno di aiuto, perché andando avanti così il personale non sarà più disponibile a svolgere attività fuori da ogni competenza professionale”.

 

Leggi anche: Striscia la notizia al “Tiberio Evoli” di Melito P. S.