Bagaladi (RC), il Comune avvia azione di contrasto inquinamento ambientale con il censimento di eternit

Bagaladi (RC), il Comune avvia azione di contrasto inquinamento ambientale con il censimento di eternit

eternit

eternit

L’Amministrazione Comunale intende avviare un’azione di contrasto a tutte le forme di inquinamento ambientale. Una componente importante è la presenza di manufatti in eternit (canne fumarie, tubazioni, controsoffitti e coperture costruiti prima del 1994).

Il problema dello smaltimento di eternit si pone generalmente quando si fanno lavori di ristrutturazione o di riparazione in una casa.

Va detto che non esiste l’obbligo di rimozione se non nel caso in cui il materiale si presenti in forma friabile, deteriorato e quindi giudicato pericoloso per la salute.

Dato che i costi per rimuovere l’eternit sono elevati – ha dichiarato il Sindaco Federico Curatola –  l’Amministrazione ha pensato di procedere a quantificare l’eternit presente e successivamente contattare le ditte specializzate per una trattativa che dovrebbe abbassare i costi per il singolo cittadino. Attraverso questa iniziativa, va chiarito, l’Amministrazione intende agevolare i cittadini ma non partecipa alle spese di rimozione e smaltimento.

E’ possibile segnalare presenza di eternit sulla propria abitazione o terreno attraverso la compilazione di un apposito modulo disponibile presso l’Ufficio Tecnico del Comune sia sul sito istituzionale www.comune.bagaladi.rc.it

Bisogna tener presente – ha proseguito Curatola – che l’eternit abbandonato è classificato come “rifiuto speciale”. Abbandonarne anche piccole quantità rappresenta quindi un reato penalmente perseguibile.

Bonificare e smaltire le coperture in amianto è costoso ma prima o poi deve essere fatto. Una delle opzioni più gettonate in Toscana, soprattutto dalle aziende, – ha detto poi il primo cittadino di Bagaladi – è quella di prevedere un impianto fotovoltaico al posto di queste coperture. AzzeroCO2 e Legambiente, promuovono un progetto che punta innanzitutto a informare su questo problema e a creare al contempo un’occasione per attivare sul territorio un programma che coniughi la promozione del solare, la bonifica dell’amianto e la riduzione della bolletta elettrica di chi effettua l’intervento di sostituzione.

Il conto energia fotovoltaico attualmente in vigore prevede un incremento della tariffa incentivante del 5% (incentivo cumulabile anche con il premio per impianti abbinati ad un uso efficiente dell’energia). Inoltre, il nuovo conto energia (DM 06/08/2010), in vigore dal 1° gennaio 2011, per gli impianti fotovoltaici realizzati in sostituzione di coperture in eternit (o comunque contenenti amianto) prevede un incremento sulla tariffa del 10%.

Maria Cristina Condello

Maria Cristina Condello ha conseguito la laurea Magistrale in "Informazione, Editoria e Giornalismo" presso L'Università degli Studi Roma Tre. Nel 2015 ha conseguito il Master di Secondo Livello in "Sviluppo Applicazioni Web, Mobile e Social Media". Dal 2016 è Direttore Responsabile della testata giornalistica ntacalabria.it

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *