Ad Arghillà il Progetto Nazionale per l’ Inclusione Rom

Ad Arghillà il Progetto Nazionale per l’ Inclusione Rom

Si è svolta ad Arghillà la terza edizione del Progetto nazionale per l’inclusione e l’integrazione dei bambini rom, sinti e caminanti presso l’Istituto Comprensivo “Radice – Alighieri” Catona diretto dall’avv. Simona Sapone, scuola individuata dal Settore Welfare del Comune di Reggio Calabria quale destinataria per lo svolgimento del progetto.

È stata la cultura, nella sua accezione più ampia, relativa al territorio, all’ambiente, alla creatività e alla legalità che ha determinato i due eventi finali: il primo incontro – che ha concluso il laboratorio “Coltivare il Futuro” a cura di Francesco Morabito – ha beneficiato della prestigiosa presenza dello chef Filippo Cogliandro. La grande umanità dello chef in sintonia con la sua rinomata esperienza professionale che lo ha reso noto non solo in Italia – è Ambasciatore Antiracket per la Ristorazione Italiana nel mondo e presiede conferenze internazionali a tema – lo hanno portato a condurre una mattinata coi bambini empatica e costruttiva. I prodotti dell’orto biologico che i piccoli alunni hanno coltivato nel laboratorio, infatti, sono finiti tra le sapienti mani dello chef che ha mostrato come la natura possa rendere la nostra tavola una gustosa opera d’arte. A sua cura anche le prelibate degustazioni che ha inteso proporre ai bambini, affascinati dall’esposizione chiara e coinvolgente che ha affrontato temi importanti come la legalità e il rispetto per la natura. Di grande impatto emotivo e territoriale anche CircArghillà, evento finale del laboratorio “Pagliacci tra i banchi” a cura dei Pagliacci Clandestini. Un momento davvero unico e originale per le strade di Arghillà nord, troppo spesso dimenticate: acrobatica, teatro, clownerie, giocoleria e trampoli, musica e body percussion le performance esibite dai piccoli alunni con l’importante supporto dei bravi professionisti dell’associazione capitanata dall’esplosivo Santo Nicito che, per le strade del territorio e tra la curiosità e la sorpresa dei suoi abitanti, hanno regalato ore davvero indimenticabili. Il territorio, quindi, al centro delle attività come risorsa da valorizzare e potenziare. Arghillà, d’altronde, ha risposto con un entusiasmo unico e toccante al coinvolgimento della giornata che è diventata un vero momento di festa e di speranza. Continueranno per tutta l’estate fino al prossimo autunno, comunque, le attività del Progetto nazionale, promosso dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali con la collaborazione del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca e la partecipazione dell’Istituto degli Innocenti, che per il suo terzo anno ha scelto ancora Reggio Calabria tra le città riservatarie.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *