Benvenuti alla nuova rubrica sportiva sulla nostra magica squadra, che ci accompagnerà per tutta la stagione augurandoci un lieto epilogo che ci veda ancora nel panorama della massima serie calcistica italiana.
Sangue Amaranto
 
 
3
0
 

Mors tua vita mea

 

 

E’stata una domenica fantastica, in soli 93 minuti la Reggina ci ha ripagato di tutti i patemi, le sofferenze, le attese vissuti in questi, comunque splendidi ultimi 8 anni. La salvezza, quasi sempre nelle passate stagioni, è stata raggiunta all’ultima partita di campionato e questo ha rappresentato già tanto per la piccola società del Presidente Foti. Ma quest’anno la nostra magica squadra ci ha voluto stupire ottenendo tranquillamente a due giornate dalla fine la permanenza nella massima serie. Dire tranquillamente significa esagerare un pochino, perché indovinate a spese di chi è stato raggiunto l’obiettivo? Della simpatica società dirimpettaia: l’ F.C. Peloro Messina relegata matematicamente in serie B proprio domenica (30-04-2006) al Granillo. Quindi vi lascio immaginare come la giornata di domenica non sia stata per niente serena. Il grande passo avanti compiuto dalla società calabrese, che si appresta a continuare per il 7° anno la propria esperienza in serie A, assume ancora più rilevanza se si pensa a tutti i problemi affrontati la scorsa estate in seguito al feroce attacco da parte della stampa nazionale, che avrebbe preferito favorire altre piazze calcistiche per dei problemi finanziari risolti anche grazie all’aiuto della Regione Calabria. Una squadra che comincia il campionato con giocatori completamente diversi da quelli presenti in ritiro, parte con quattro sconfitte consecutive e alla fine raggiunge in questo modo la salvezza non può che definirsi grandiosa, e grandiosi soprattutto Presidente e Mister che riescono sempre a tenere unito il gruppo con stile e comportamenti decisi, ma mai sopra le righe o fuori misura (il sig. Franza deve ancora imparare molto sotto questo punto di vista).
La giornata di domenica comincia al mattino presto con il lavoro incessante degli Ultras della Curva Sud per mettere a punto le due coreografie che saranno esposte nel corso del match. La prima esposta a inizio gara richiama con bandierine amaranto, bianche e nere ad un unico obiettivo già implorato nello scorso articolo di questa rubrica: VINCERE!!!
Sarà di buon auspicio….
Prima della partenza del 62° derby dello stretto un minuto di raccoglimento per commemorare le vittime di Nassirya. Si comincia a rilento con squadre tese ed intente a studiarsi vista l’importanza della posta in palio. La Reggina blocca ogni iniziativa del Messina che deve vincere per sperare nella salvezza con un pressing asfissiante. Anzi il al 33°min. primo acuto è proprio degli Amaranto con un colpo di testa di Cozza di poco alto sulla traversa su cross di Amoruso. Al 41°min. è però il giallorosso calabrese Floccari ad avere la palla del vantaggio, ma tutto solo davanti a Pelizzoli alza troppo la mira. Poche azioni dopo Amoruso e Cozza galoppano velocissimi in contropiede arrivando davanti a Storari, ma il capitano incespica malamente sul pallone e non riesce a concludere in rete. Finisce il primo tempo, da segnalare gli infortuni a De Rosa che lascia il posto a Lanzaro e Paredes costretto a uscire per Biondini. Al 6°min. il Capitano ci porta in vantaggio, Biondini ruba palla a Donati e si invola nella metà campo messinese servendo un assist al bacio a Cozza che batte Storari. E’ il delirio!!! Al 13°min. è già raddoppio con un rigore procuratosi da Tedesco su fallo di Zoro e trasformato da Amoruso che spiazza il portiere avversario. Sugli spalti e sulle tribune c’è un gran caos, in curva una gioia fortissima. Da pelle d’oca! Sugli spalti messinesi invece il massimo silenzio, i tifosi sentono la serie B vicina, ancor di più quando Parisi si fa espellere per uno stupidissimo fallo da dietro su Cozza e lascia la sua squadra in dieci uomini. Al 28°min. Di Napoli prova a scuotere i suoi con una punizione dal limite su cui uno splendido Pelizzoli, come tutta la squadra, sfodera una gran parata. Al 33°min., per “consolare” i tristi messinesi, in Curva Sud viene srotolata la seconda coreografia con una gigantesca B giallorossa tra gli applausi generali al grido di Serie B, Serie B! Ma Bianchi decide di infierire sui siciliani, al 31°min servito perfettamente da Amoruso segna il terzo gol. E’ il suo primo gol con la maglia amaranto, lo ha segnato proprio nel derby, al rientro da un infortunio che lo ha tenuto fuori per tutto il campionato, speriamo sia il primo di una lunga serie in Amaranto, magari anche il prossimo anno saremo assieme (Bentornato!). Si incomincia a non capire più niente, i tifosi sono sulle recinzioni già pronti all’invasione di campo, Cozza prega tutti di restare fuori. Il Presidente rilassato e festoso come mai salta sotto la Curva con i tifosi (sarà questa secondo il mio parere la più bella immagine di questo derby, ma anche dell’intero campionato). Al 48° min. è finita, si scatena la festa al Granillo. La Reggina resta in serie A. Per il Messina si conclude nel peggiore dei modi (3-0 in un derby molto sentito) l'avventura nella massima serie. E’ un tripudio di colore, bandiere e sciarpe Amaranto. In curva è una festa generale, gli Ultras invadono il campo per festeggiare con i giocatori e arrivano sotto lo spicchio riservato ai tifosi rivali per deridere i malcapitati costretti a uscire sotto gli incessanti sfottò degli ultras amaranto con striscioni e cori molto ironici. Dopo questo derby forse rimpiangeranno il giorno in cui sono saliti nella massima serie alla luce di come è finita la loro Breve esperienza!!!
A fine gara vanno fatti comunque i complimenti alle due tifoserie per la correttezza e compostezza nei modi.
La festa per tutto il popolo amaranto si trasferirà poi al Centro Sportivo S.Agata la casa della Reggina Calcio e di tutti gli sportivi reggini e per le strade della città con Presidente, Mister e Calciatori.
Per concludere questo numero un po’ più lungo del solito (ma era inevitabile) solo poche parole per ricambiare l’immensa gioia che domenica e per tutto il campionato solo chi era allo stadio ha potuto provare:

GRAZIE DI CUORE!!!

 

P.S.: per consigli, suggerimenti o altro rivolgetevi all’indirizzo e-mail: f_iannelli@yahoo.it : official web page Francesco Iannelli
 

manifestazioni & eventi

 

Google
 
Web www.ntacalabria.it
 
 
HOME
 
REGGIO CALABRIA
MELITO PORTO SALVO
INFO & NOTIZIE
 
 
 
giochi on-line il nuovo servizio di ntacalabria, in collaborazione conmegghy.com
Grazie a tutti quelli che fino ad oggi hanno visitato il sito ed hanno dato buoni  consigli per l'ampliamento ed il miglioramento del servizio !
Nta Calabria Copyright 2001 (ntacalabria) Tutti i diritti riservati