U lupu e u cani

U lupu e u cani

di Francesco Foti

Na notti u lupu schiavu di la fami, scindiva lu sinteru du paisi,
e vicinu a na casa i latu o gaddinaru ncera ttaccato nu cani mammulisi,

”Caru cuginu aundi stati iendu” nci dissi u cani tuttu boriusu
ti viu sciucatu, siccu, e vai cadendo, mi pari u filazzolu di lu fusu.

Vaiu cercando cchi ccosa pe mi mangiu ca su sdiunu di diverzi iorna
Da fami mi mangiava puru a peddi, e di na crapa non dassava mancu i corna.

Statti cca cu mia e mangi sempri, dassala stari chissa vita erranti.
Senza sacrifici e senza stenti, ttaccatu sempri ccà nzina chi campi.

Ieu sugnu mortu i fami ma cuntentu, sugnu liberu e vaiu a undi vogghiu.
E curru a menzu all’erba comu o ventu. Mangiu quando trovu, pocu o nenti

Curru comu u pacciu da sira a la matina, cercandu un pezzu i pani ogni mumentu.
Ma nta lu coddu.
Non haiu ssa catina.

“Libertà va cercando che sì cara, come sa chi per lei vita rifiuta”
(Dante Alighieri. Purgatorio canto 1 vv 70-72)
Cos’è la libertà? Quali sono le sue radici, e quali i suoi confini? Chi può stabilire le sue reali coordinate? Chi può asserire in tutta onestà di essere” VERAMENTE LIBERO?” Se riuscissimo a dare una risposta onesta a queste domande, forse saremmo sulla strada giusta per vivere in pace e unità col nostro prossimo, staremmo veramente attenti a non limitare quella degli altri, a vantaggio della nostra , ci saremmo imposti di restare nei paletti che arginano il nostro pacifico vivere insieme, essendo disposti a volte, a rinunciare a qualcosa per conseguire questo meraviglioso risultato.

Il più grande uomo che sia mai esistito disse: “Conoscerete la verità,e la verità vi farà liberi”. (Vangelo di S. Giovanni capitolo 8, versetto 32,) Siamo veramente determinati a cercare minuziosamente , questa meravigliosa verità che può renderci finalmente, e veramente liberi?

E’ mortificante ascoltare gli arroganti, i presuntuosi, coloro che sono convinti di essere gli unici a sapere tutto ciò che serve per vivere bene e in pace con gli altri ,come se fossero gli unici a saper gestire e organizzare, la cosa pubblica , affinchè la macchina, del vivere insieme funzioni veramente. Sono convinti di avere più neuroni nel cervello, e pensano che le ossidate sinapsi degli altri , costituiscano un limite invalicabile, che impedisce loro di accedere, ai livelli superiori ,dove orbitano le eccelse, e illuminate menti dei millantatori.

Purtroppo queste orbite superiori non essendo in rotta di collisione con noi, comuni mortali , che viaggiamo a livelli inferiori ci privano di un cosi tanto ambito onore, ma, quando,per inspiegabili circostanze, ciò accade , la pioggia di meteore ,satura di sollazzi e risa , di curiose caricature, e divertenti barzellette. Rafforza la nostra determinazione di aver tracciato la rotta giusta.

Category Cultura, Poesia

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *