Quandu la luna ccarizzava u mari

Quandu la luna ccarizzava u mari

di Francesco Foti

Quandu la luna ccarizzava u mari, e da cuntentizza riluciva
vidivi chiddi stiddi caminari, comu tanti luci di candila.

I fogghi iocavanu ntò celu, si movivanu cuntenti sutta u ventu
ballavano a nu sonu foresteru, nta ddu triatu grandi e senza tempu.

Sartava nta li petri a fiumaredda, cu chiddu sonu lentu e spenzeratu
sembrava na novena a seratedda, nto misi i maggio longu e profumatu.

Sulu i griddi rispundivanu e gianneddi cu ddi canzuni ntichi e nnamurati
parivanu nu sonu i cerameddi, nta ddi iorna di festa cumandati.

Nta l’aria si sentiva a pruschicedda cu ddi profumi novi e delicati
e mbriacava u cori e a viddanedda cucciata cca cu mia, nnamurati.

Non c’eranu paroli chi sentivi sulu lu richiatu di du cori
ssettati aniti cu grandi suspiri nta chidda notti magica d’amuri.

Sentivi l’organettu, di luntanu, chi ncupagnava u tambureddu cu so sonu,
ballavanu li giuvani nto chianu, sculandusi cchi biccheri i vinu.
volaru l’anni ma u ricordu ncesti ancora nta la menti

E puru ca non zi chiù nà figghiola du lacrimi ti scindunu cuntenti
Aundi si ndi iru ddi mumenti, chiddi anni belli duci e spenserati.

U misi i maggiu inveci torna ancora cu da bella cumpagnia
Ricordanduti quand’eri na figghiola, chi ghiva currendu nta dda via

Pisanu l’anni e li fatichi grandi, troppi i penzeri, sacrifici e affanni
Ca si levaru l’anni toi cchiu belli, ma ti dassaru nu ricordu grandi.

Come descrivere i sentimenti, nella fugace immediatezza del loro essere. Come riassaporare quegli attimi vissuti, nella spensieratezza della brevissima gioventù che frettolosa vola via, come una foglia spazzata dal vento.

Ricordo come fosse ieri, la dolce compagnia che scendeva dalle colline di Fiesole verso Firenze, quando a tarda ora sotto il chiarore di una splendida luna piena, si ritornava in albergo, dopo un allegra serata in discoteca, passata con le compagne di liceo, e si scendeva a piedi per quelle stradine ben curate.

Ricordo, mi trovavo a braccetto con due splendide fanciulle, scendevamo cantando e ballando spensierati e, mi tornavano in mente le poesie del canzoniere, di Petrarca, di Guinizzelli, e che dire di quel buontempone di Giovanni Boccaccio, mi sembrava di intravedere quella allegra compagnia di giovani che si ritirò in campagna a causa della peste nera del 1300 che colpì l’Europa, quindi Firenze.

Ormai quei bellissimi ricordi archiviati, nel lontano passato, velocissimi sono scappati insieme al tempo, austero e geloso, carceriere degli anni che senza appello o sconti di pena, li tiene inesorabilmente reclusi.

Category Cultura, Poesia

Multimag Comments

We love comments

1 Comment

  1. Luglio 24, 22:47 #1 Lady

    Bellissima poesia, versi che portano ricordi di uno scenario genuino, spensierato, amato, dolce, reale…passato…lasciando quel sapore e profumo di qualcosa che ti sta addosso come una seconda pelle…una vita, complimenti…Lady

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *