Scoperto traffico di reperti archeologici in Calabria

Scoperto traffico di reperti archeologici in Calabria

Dalle prime ore di stamane, i Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale stanno eseguendo 12 misure cautelari personali disposte dal Gip presso il Tribunale di Crotone e 35 perquisizioni nelle province di Crotone, Catanzaro, Reggio Calabria, Cosenza, Catania e Reggio Emilia, nei confronti di ricettatori e soggetti facenti parte di un’organizzazione criminale in grado di gestire tutte le fasi del traffico di reperti archeologici per un giro d’affari di alcuni milioni di euro.

Bersaglio prediletto dai “tombaroli” era il sito archeologico di “Capo colonna” a Crotone.

Tra le persone arrestate uno stimato docente e, tra gli indagati, diversi professionisti.

Sono state inoltre sequestrate preziose collezioni con numerosi reperti archeologici di notevole interesse storico-artistico ed elevato valore economico.

I dettagli dell’operazione saranno illustrati nel corso della conferenza stampa che si terrà, alle ore 11 presso il Comando Provinciale Carabinieri di Crotone, ove saranno esposti i più importanti beni recuperati.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *