Omicidio Villapiana, vittima un ristoratore

Omicidio Villapiana, vittima un ristoratore

Omicidio Villapiana Lido (Cosenza). La vittima è il ristoratore Leonardo Portoraro. L’uomo è stato ucciso da diversi colpi di mitra. Sul caso sta indagando la Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro.

Omicidio Villapiana, i dettagli

Un terribile omicidio si è verificato ieri mattina in Calabria. La vittima è Leonardo Portoraro di 63 anni. L’uomo era originario di Cassano allo Jonio ma risiedeva da diversi anni a Francavilla Marittima. Portoraro, morto sul colpo, al momento dell’agguato, si trovava a piedi nei pressi del suo locale, sito a Villapiana Lido.

Secondo una prima ricostruzione della vicenda, la vittima è stata raggiunta da una vettura di grossa cilindrata con a bordo due uomini con il viso coperto. I sicari, dal veicolo, hanno aperto il fuoco contro l’uomo che è stato raggiunto da diversi colpi di mitra. Sul posto sono stati, successivamente, ritrovati circa una trenta bossoli.
Dopo aver portato a termine l’azione criminale, la vettura con a bordo i killer si è allontanata a gran velocità senza lasciare tracce. Diversi sono stati i testimoni che hanno assistito alla drammatica scena, senza rimanere coinvolti nella sparatoria.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro che hanno avviato le indagini.
Date le modalità d’esecuzione dell’omicidio e data la caratura della vittima, le indagini sono passate poi alla Dda di Catanzaro.

Chi era Leonardo Portoraro

Leonardo Portoraro attualmente era un uomo libero. In passato era ritenuto un elemento di spicco della ‘ndrangheta della Sibaritide.

Un fratello di Portoraro, nel 1992 a Cassano allo Jonio, venne ucciso quando aveva 34 anni. Il delitto all’epoca dei fatti fu inquadrato come il risultato di una guerra di mafia tra le cosche della zona.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *