Omicidio a Pesaro, i particolari

Omicidio a Pesaro, i particolari

Omicidio a Pesaro. La vittima uccisa nel giorno di Natale era il fratello di un collaboratore di giustizia e da tempo viveva sotto protezione.

Omicidio a Pesaro

Nel giorno di Natale poco dopo le ore 18, due killer incappucciati hanno ucciso il calabrese Marcello Bruzzese, 51 anni, fratello di un collaboratore di giustizia di ‘ndrangheta. La vittima freddata nel garage sotto casa, nei pressi del centro storico di Pesaro. Si sono invece perse le tracce dei due malviventi.

Le forze dell’ordine hanno trovato almeno venti bossoli sul luogo del delitto. L’uomo in passato era già sfuggito ad un agguato di ‘ndrangheta nel 1995 a Rizziconi. All’epoca dei fatti morì il padre e il marito di una sorella. Lui venne ferito. Il movente del delitto sembra segno di una vendetta legata ai conflitti per il dominio della Piana di Gioia Tauro.

Sul posto, a coordinare le indagini dei carabinieri, insieme ai pm di Pesaro Fabrizio Giovanni Narbone e Maria Letizia Fucci, c’è anche Daniele Paci della direzione distrettuale antimafia di Ancona.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *