Maxi sequestro di prodotti ittici a Roseto Capo Spulico

Maxi sequestro di prodotti ittici a Roseto Capo Spulico

Sequestro di prodotti ittici a Roseto Capo Spulico (Cosenza): Guardia di Finanza e Guardia costiera hanno sequestrato 830 chili di tonno rosso sotto misura e pesce non tracciato.

La vicenda

Guardia di Finanza e Guardia Costiera, hanno sequestrato a Roseto Capo Spulico 370 chili di tonno rosso sotto misura e 460 chili di pesce privo di tracciabilità. Questi erano trasportati in modo illecito su un furgone che viaggiava, nella serata del 13 novembre, in direzione sud proveniente dalla Puglia. Le Fiamme Gialle impegnate in un posto di controllo lungo la strada statale 106 jonica hanno proceduto al fermo del veicolo. Sul luogo giungeva una pattuglia della Guardia Costiera impegnata negli ordinari servizi d’Istituto, che partecipava alle operazioni di controllo.

Sequestro di prodotti ittici a Roseto Capo Spulico

A seguito della ispezione del mezzo si rinvenivano, nel vano posteriore del camion, 9 cassoni contenenti circa 50 tonni rossi sotto la taglia minima di riferimento per la conservazione della specie. Per un peso complessivo di 370 chili e 85 cassette di polistirolo contenenti vari prodotti ittici tra cui 150 chili di polipi; ed anche, 120 chili di saraghi; 110 chili di merluzzi; lampuga ed ancora, triglie, ricciole e tonno ala lunga. Per un totale complessivo di 830 chili.
Il carico era pronto ad essere immesso nella filiera commerciale della pesca una volta raggiunta la destinazione, pur se sotto misura minima consentita dalla legge e privo di tracciabilità.

L’attività di polizia congiunta tra Guardia di Finanza e Guardia Costiera ha quindi portato al sequestro dell’intero quantitativo di prodotto ittico successivamente distrutto; in quanto giudicato non idoneo al consumo umano da parte dei veterinari dell’ASP.

Le sanzioni

Per la pesca del tonno rosso, regolamentata e protetta dalla normativa comunitaria e nazionale; sono previste sanzioni molto severe. Difatti, al conducente dell’automezzo sono state contestate le violazioni previste dal decreto legislativo n.4/2012 e dall’art. 9 Reg. CE 302/2009, che puniscono con sanzioni progressive, fino a 150.000 Euro. Fra l’altro, la detenzione, il trasporto, la commercializzazione e la somministrazione di esemplari di specie ittiche di taglia inferiore alla taglia minima di riferimento e privi di tracciabilità.
L’attività svolta si inquadra in un più ampio dispositivo di polizia marittima della Guardia Costiera ed economico-finanziaria della Guardia di Finanza, volto alla repressione dei traffici illeciti. Ed, in particolare, alla tutela della fauna ittica dei nostri mari e delle forme legali di economia.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *