Balneazione nel cosentino, punti sfavorevoli

Balneazione nel cosentino, punti sfavorevoli

Balneazione nel cosentino. L’Arpacal: “Punti sfavorevoli a Corigliano Rossano, Crosia e Pietrapaola”.

Balneazione 2019 nel cosentino

Il Servizio tematico acque del Dipartimento provinciale Arpacal di Cosenza ha trasmesso nei giorni scorsi ai Comuni di Corigliano Rossano; Crosia e Pietrapaola, gli esiti dei prelievi di campioni di acqua di balneazione in cui i risultati analitici hanno dato esiti sfavorevoli.

“Per il Comune di Corigliano Rossano – si legge nella nota Arpacal – sono due i punti, denominati “Fosso Nubrico” e “100 mt sx torrente Colognati” (parametro Escherichia Coli fuori limite); invece per Crosia è il punto denominato “Sbocco Fosso Decanato” (parametro Escherichia Coli fuori limite); per Pietrapaola il punto è quello denominato “100 mt sx torrente Acquaniti” ( parametro Escherichia Coli fuori limite)”.

L’Arpacal aggiunge:

“Si ricorda che, in base alla normativa nazionale in materia, il Comune, ricevuta la comunicazione di esito sfavorevole delle analisi, è tenuto a fare apporre apposita cartellonistica nei punti interessati dalle analisi; previa emissione di ordinanza sindacale che vieti temporaneamente la balneazione. Lo stesso dicasi per l’eventuale ordinanza, da emettere per revocare la precedente qualora i risultati delle analisi suppletive siano rientrati nei limiti normativi e quindi con esito favorevole”.

Leggi anche: Balneazione Reggio Calabria, i punti sfavorevoli

Leggi anche: Balneazione Brancaleone, interviene l’Arpacal