Catanzaro, Gehard Demetz incontra gli studenti dell’Accademia di Belle Arti

Catanzaro, Gehard Demetz incontra gli studenti dell’Accademia di Belle Arti

opera di Gehard Demetz

Ore 10:00 Venerdì 11 Marzo 2011
Teatro-Aula Magna
Accademia di Belle Arti di Catanzaro

Il giovane scultore altoatesino Gehard Demetz è ormai considerato dalla critica uno dei talenti più interessanti del panorama artistico internazionale.

Gehard Demetz, dà alla tradizione un’espressione artistica unica nel suo genere.

E’ nato a Bolzano nel 1972. Cresciuto in Val Gardena, dove la professionalità nella manifattura del legno raggiunge livelli altissimi, Gehard Demetz ha saputo far proprie le conoscenze legate alla tradizione, preservandole e aggiungendovi le sue capacità inventive e combinatorie.

Nel 2005 è finalista del Premio Cairo. La sua prima personale alla Galleria Rubin di Milano è del 2005 con catalogo con testo introduttivo di Maurizio Sciaccaluga. L’anno seguente il suo lavoro viene presentato a Bologna ad Artefiera 2006, dove le sue sculture non passano inosservate. In autunno, infatti, è tra i finalisti della VII Edizione del Premio Cairo. Nel 2007 si riconferma ad Artefiera e ArtCologne in Germania. Nel giugno dello stesso anno ha la sua seconda mostra personale alla Galleria Rubin in cui espone l’opera “I want to be flexible”, di oltre 3 metri di altezza. La grande scultura, che rappresenta una bambina che impugna un rossetto come se fosse un’arma, farà parte dell’esposizione SerrOne – Biennale Giovani alla Villa Reale di Monza, nell’autunno dello stesso anno.

Nel 2008 dopo gli ottimi risultati conseguiti a MiArt di Milano è il ‘sold-out’ dello stand alla fiera di ArtCologne dove partecipa con due sculture che ritraggono Adolf Hitler e Mao Zedong bambini.

In concomitanza con la fiera tedesca presenta i suoi ultimi lavori in un’esposizione personale: Gehard Demetz. Skulpturen alla Villa Wessel di Iserloh, sempre in Germania. Del 2008 è la pubblicazione del volume Sculptural Child Figures pubblicato da Silvana Editoriale, con testo di Rolf Lauter ed una intervista all’artista di Luigi Fassi.

Da tredici anni è “maestro scultore”;
ha frequentato l’Istituto d’Arte e la Scuola Professionale Provinciale per scultori. Nel 1992 compie il suo apprendistato alla bottega dello scultore Matthias Resch e nel 1995 diventa maestro scultore. Dal 1996 inizia a svolgere attività di insegnamento. Tra il 2000 e il 2001 frequenta i corsi degli Zhou Brothers e di Jacobo Borges all’Accademia di Salisburgo. Dal 2003 è socio del Südtiroler Künstlerbund.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!