Rifiuti, al via commissariamento Comuni calabresi inadempienti

Rifiuti, al via commissariamento Comuni calabresi inadempienti

Rifiuti, avviato commissariamento comuni calabresi che non hanno adempiuto al versamento delle tariffe sullo smaltimento dei rifiuti.

Al via commissariamento comuni calabresi

Con i primi 18 decreti del presidente della Giunta, Mario Oliverio, sono quindi partiti i commissariamenti da parte della Regione dei Comuni calabresi che non hanno adempiuto al versamento delle tariffe sullo smaltimento dei rifiuti.

Ecco i comuni interessati:

I primi decreti riguardano i Comuni di Bagaladi; Bianco; ed inoltre, Ardore; San Giorgio Morgeto; ed ancora Stignano; Ferruzzano; Fiumara; Giffone; ed inoltre, Melicucco; Palizzi; Seminara; Polistena (provincia di Reggio Calabria); Cropani (provincia di Catanzaro); ad anche, Bocchigliero; Canna; Nocara (provincia di Cosenza); ed infine, Briatico e San Gregorio d’Ippona (provincia di Vibo Valentia). Con i provvedimenti del Presidente viene nominato un commissario chiamato al recupero coattivo nei confronti del Comune del credito maturato dalla Regione, con riferimento in particolare alla tariffa sui rifiuti del 2015.

Motivazione dei decreti di commissariamento

I decreti di commissariamento sono motivati dal fatto che “la puntuale riscossione della tariffa consente di poter far fronte alle spese necessarie per il pagamento dei concessionari/gestori dei diversi servizi afferenti la gestione del sistema dei rifiuti, in assenza del quale potrebbero perpetrarsi disservizi e criticità in termini di conferimento/smaltimento dei rifiuti; sino al mancato conferimento dei rifiuti in impianto, con il probabile accumulo lungo le vie cittadine e il conseguente nocumento alla salute pubblica e all’ambiente”. Questo è, infatti, quanto si legge nei provvedimenti adottati dal presidente della Regione Oliverio.

Come reso noto dalla Regione nei giorni scorsi, la somma anticipata dalle casse regionali per sopperire al mancato pagamento dei Comuni nel periodo 2013-2018 ammonta a oltre 300 milioni di euro.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *