Nota sul federalismo municipale di Michelangelo Tripodi (PdCI)

Nota sul federalismo municipale di Michelangelo Tripodi (PdCI)

tripodi michelangelo

Sulla delicatissima questione del federalismo, I cittadini meridionali dimostrano di essere molto più avanti dei propri  governanti.

Infatti, solo il 18 % , e cioè un’infima minoranza, dichiara di essere favorevole ad un provvedimento che rappresenta un attacco senza precedenti ai diritti e alla conquiste del  Sud e dei suoi cittadini.

Nonostante il martellamento mediatico del pensiero unico della classe politica  e dei mezzi di informazione che  ne esaltano  le virtù come se il federalismo fosse la panacea di tutti i mali, i cittadini dimostrano di avere una coscienza critica capace di riflettere e di esprimere giudizi autonomi.

Anche le pietre hanno ormai capito che il federalismo è il provvedimento più leghista per eccellenza e, quindi in quanto tale, quello più antimeridionalista  ed anticalabrese. Non a caso nei giorni scorsi i vari Bossi, Berlusconi, Calderoli e Tremonti si sono sperticati nelle dichiarazioni trionfalistiche parlando addirittura di “svolta storica”.

Certo per costoro si porterebbe a compimento un disegno che coltivano da anni: quello di affondare definitivamente il Sud del paese,  abbandonandolo al suo destino, scippando e rapinando le sue risorse e utilizzandolo tutt’al più come sito per i rifiuti che il nord produce.

E’ davvero paradossale, ma fino ad un certo punto, che tutto questo accada mentre siamo alla vigilia dell’anniversario del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Si celebra retoricamente l’unità mentre il paese è più diviso che mai ed il Sud non è mai stato così distante dal Nord.

Altro che “svolta storica”, il federalismo municipale, che opportunamente il Presidente della Repubblica Napolitano  ha giudicato irricevibile restituendo il decreto al governo, rappresenta un colpo definitivo alle speranze della Calabria e del Sud.

Concretamente ciò significa più tasse sulle spalle di tutti i cittadini e meno servizi, meno sanità, meno istruzione, meno assistenza, meno welfare, meno tutela sociale per i cittadini del Sud e della Calabria.

Pertanto, occorre fare di tutto per impedire l’approvazione di un decreto così sciagurato e nefasto,  utilizzando tutti gli strumenti democratici che possono essere utili allo scopo.

Non facciamoci scippare anche il futuro delle giovani generazioni del mezzogiorno. Reclamiamo con forza pari diritti e pari dignità per tutti i cittadini di questo paese, respingiamo la logica leghista e berlusconiana che spacca l’Italia e nega la speranza  ai nostri giovani.

Maria Cristina Condello

Maria Cristina Condello ha conseguito la laurea Magistrale in "Informazione, Editoria e Giornalismo" presso L'Università degli Studi Roma Tre. Nel 2015 ha conseguito il Master di Secondo Livello in "Sviluppo Applicazioni Web, Mobile e Social Media". Dal 2016 è Direttore Responsabile della testata giornalistica ntacalabria.it

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *