Coldiretti sull’allarme incendi

Coldiretti sull’allarme incendi

Allarme incendi in provincia di Reggio Calabria, la Coldiretti provinciale è fortemente preoccupata per il numero elevato di incendi che negli ultimi giorni hanno distrutto centinaia di ettari di macchia mediterranea ed altrettanti di colture agrarie, mettendo in grandi difficoltà le imprese agricole che vedono ridotti in fumo sacrifici di una vita e creando preoccupazione per l’incolumità in chi nella campagna ha sviluppato il proprio stile di vita, vivendoci e lavorando.

È talmente preoccupante il fenomeno che è operativa dal 9 luglio nella prefettura di Reggio Calabria l’unità di crisi attivata dal prefetto Michele di Bari per fronteggiare l’emergenza incendi.

Tantissimi i comuni interessati dagli incendi negli ultimi giorni: Calanna, Fiumara, Reggio Calabria nelle frazioni di Oliveto, Rosalì, Sambatello e Terreti, Campo Calabro, Villa San Giovanni, Scilla, Motta San Giovanni, Galatro, Cittanova, Oppido Mamertina, Palmi, Polistena, Sant’Eufemia d’Aspromonte, Sinopoli, San Procopio, Anoia, Melito Porto Salvo, Siderno, Locri, Condofuri, Bovalino.

Il presidente Provinciale Stefano Bivone, esprime solidarietà agli agricoltori ed alle popolazioni colpite, ad essi rappresenta la vicinanza della Coldiretti tutta, condanna fortemente le azioni dolose, fiducioso che le istituzioni anche su segnalazione dei cittadini faranno luce su eventuali casi, nell’immediato chiede alle istituzioni che vengano rafforzate le squadre di intervento per lo spegnimento ed auspica che vengano messe in atto tutte le azioni di prevenzione, in primis il sostegno alle imprese agricole che con la loro presenza nelle aree rurali collinari e montane rappresentano un presidio per la tutela e difesa del territorio.

Multimag Comments

We love comments

1 Comment

  1. Vincenzo Aloi
    Reply luglio 12, 14:37 #1 Vincenzo Aloi

    Già 10 anni fà avevo presentato al Ministro preposto un progetto a costo ZERO per limitare gli incendi in Calabria. non importa niente a nessuno. le considerazioni posteriori da soggetti che avrebbero l’obbligo della prevenzione, mi fanno solo sorridere.

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *