Ricordi…

Ricordi…

Non sunnu chiù li tempi di nà vota, quandu lu mundu scurriva chiù lentu
ntornu lu focu si faciva la rota ca panza vacanti, ma u cori cuntentu.

Si lavurava dall’arba o tramuntu Zappandu la terra, carriandu fumeri,
facendu a cuperta puntu pè puntu mparandu l’arti di ogni misteri.

Qandu calava lu suli luntanu Tingendu lu celu di russu e turchinu
Lu pecuraru scindiva a lu chianu Chiudiva i nimali e si inchiva di vinu.

Cu era chiù virdi e ndaviva potiri Iarmava sonu e si iva a ballari
E trà storielli canzuni e suspiri Cu li penzeri volava luntanu.

Volava luntanu ddabbanda mari Undi lu mundu era menu crudili
Mangiari bonu, vestiti, dinari, pè chidda vita ddumava candili.

Mancu a figghiola si potiva guardari Cantari sturnelli, canzuni d’amuri.

Li milli prodigi cercavi di fari Mi vidi chidd’occhi luciri a lu suli.

Ora li cosi su stracangiati, lu mundu curri troppu veloci
non vidi a nuddu chiù ntà sti strati non senti lu sonu di nudda vuci.
Sulu lu vecchiu restau cca.

Mi cunta li iorna passati e futuri Guardandu ancora ddi pochi viddani
Chi scorciunu a terra iettandu suduri. Ormai li figghi sunnu luntanu.

A casa è vacanti senza chiù sonu Ntà cristallera supra lu chianu
Ndavi u ritrattu di quandu era bonu. Pè non pensari a stì cosi crudili.

Tantu tremendi ca tagghia lu cori Si faci la cruci e si menti a dormiri
Pè mi si sperdi ca ndavi mi mori.

Questa era la realtà dei piccoli paesini, dove ci si conosceva tutti, quando ancora non c’era il televisore, che intratteneva grandi e piccini.

Nelle fredde e piovose serate d’inverno, ci si riuniva intorno al focolare e oltre a raccontare i fatti del giorno si programmavano le attività del giorno seguente, dove tutti grandi e piccini, maschi e femmine avevano un ruolo specifico da svolgere, nella fioca luce di una stanza, affumicata, con gli insaccati appesi a stagionare.

Nelle calde serate d’estate ci si riuniva fuori con i vicini (Ntà rruga), modesto cortile o piccolo spiazzo davanti un gruppo di abitazioni, e si consolidavano le famiglie, le amicizie le parentele col piacevole sottofondo di grilli e ranocchie in concerto, i bambini ascoltavano le nonne raccontare qualche favola e si addormentavano felici, tra le braccia della mamma.

Purtroppo adesso non si trova più il tempo nemmeno per dialogare, comunicare tra componenti della stessa famiglia, altro che piacevoli momenti di relax e intrattenimento, ci stiamo egoisticamente isolando dalla realtà immergendoci in un mondo virtuale, progettato e costruito ad arte, per soggiogare e pilotare le masse.

Tutto sommato dal mio modesto e limitato punto di vista “Eranu megghiu i tempi di nà vota”.

Francesco Foti

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *