Brancaleone (RC) Intitolata a una stele in memoria di Lorenzo e Gilla Pipolo

Brancaleone (RC) Intitolata a una stele in memoria di Lorenzo e Gilla Pipolo

La cerimonia si è svolta nell’area giochi della piazza stazione che come ribadito durante gli interventi iniziali dai prefetti presto verrà intitolata a Lorenzo e Gilla.

E’ ancora vivo e forte il dolore della comunità Brancaleonese di quel tragico 8 agosto 2018, quando i due fratellini Lorenzo e Gilla Pipolo che si trovavano in vacanza, hanno perso la vita sul tratto ferroviario di Brancaleone. In una piazza gremita di gente e in un’atmosfera di grande commozione e partecipazione, ha preso la parola il Prefetto Giovanni Meloni che ha ribadito l’importanza che riveste quest’opera in memoria dei due fratellini soprattutto – ha detto- è un gesto d’amore che la città di Brancaleone vuole lasciare affinchè non si spenga mai il ricordo.

Da quel tragico giorno – ha ricordato il Viceprefetto Salvatore Mottola Di Amato – sono state tante le iniziative intraprese per celebrare Lorenzo e Gilla con il Garante dell’Infanzia e del’Adolescenza Antonio Marziale che si è da subito attivato sul territorio e che si è tradotto in una serie di iniziative che hanno portato non solo alla realizzazione di quest’opera artistica, ma anche all’intitolazione stessa della piazza ed una Borsa di studio in materia di sicurezza stradale che coinvolgerà gli Istituti scolastici. E’ seguito poi l’intervento del viceprefetto aggiunto Isabella Giusto che visibilmente commossa ha richiamato il valore che questa commissione straordinaria ha voluto dare a questa iniziativa in ricordo dei due piccoli angeli tragicamente scomparsi in quel fatidico incidente, che la comunità non ha mai dimenticato, ma che oggi verrà impresso nella memoria fino ai posteri con quest’opera monumentale.

Un plauso è stato fatto ad Antonio Marziale (Garante per l’infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria) che ha fortemente voluto questa iniziativa in memoria di questi piccoli angeli. Ringraziamenti che sono stati seguiti anche dal viceprefetto vicario di Reggio Calabria Anna Aurora Colosimo che visibilmente commossa che ha posto l’accento sul valore dell’opera per la comunità che stretta tutt’attorno oggi dimostra, come la comunità di Brancaleone sente forte il bisogno di reagire e rialzarsi dopo il lutto che ha coinvolto ogni singolo abitante.

Presente anche la neo Dirigente Scolastica Lucia Zavettieri che ha plaudito l’iniziativa ed ha portato una toccante lettera ad opera dei bambini della scuola che è stata letta da una bambina del plesso scolastico.

I Commissari hanno ringraziato tutte le Autorità convenute alla manifestazione, le Istituzioni, i cittadini e le associazioni presenti. Subito dopo è stata scoperta l’opera in ceramica dipinta a mano che da oggi colorerà questa piazza che presto porterà il nome di Lorenzo e Gilla, già avviate da tempo le procedure di autorizzazione per variare il nome di quella che è stata Piazza Guglielmo Marconi ma che si appresta ad un nuovo restyling soprattutto grazie ai finanziamenti ottenuti che riqualificheranno l’area giochi che da tempo versa in condizioni di abbandono e degrado.

Un gesto che i cittadini di Brancaleone hanno molto apprezzato, e che sicuramente contribuisce ad arricchire la comunità a seguito della grande attività amministrativa da parte della Commissione Prefettizia che a due anni dal loro insediamento hanno affrontato numerose criticità e difficoltà, ma che oggi si appresta a volgere al termine con una serie di opere pubbliche già avviate grazie ai numerosi finanziamenti ottenuti che daranno sicuramente uno slancio significativo all’immagine stessa del paese che domenica prossima si troverà alle urne per eleggere un nuova giunta comunale con l’unica lista a correre incontro al al sogno di riportare Brancaleone ai fasti del passato proiettandosi nel futuro.

Carmine Verduci

Nato a Brancaleone nel 1984, ha frequentato l'istituto d'arte di Locri. Artista e scrittore, ama la musica, la natura, la fotografia, la storia delle leggende Calabresi e dell'archeologia. Si occupa di divulgazione e promozione culturale dell'area grecanica e locridea, attraverso l'organizzazione di eventi culturali nella propria città e sul territorio.