TOP MENU
CALABRIA IN CIFRE
ITINERARI & TURISMO
GUARDA DOVE SIAMO
LOCALITA'
CASTELLI
CUCINA CALABRESE
MUSEI & ARCHEOLOGIA
MANIFESTAZIONI & EVENTI
NOTIZIE & STAMPA
FOTO
TARANTELLE
DETTI CALABRESI
CULTURA CALABRESE
LINK
CONTATTACI
PUBBLICIZZATI
SEGNALACI UN EVENTO
MANDACI DEI CONSIGLI
LEGGI LA POSTA
AZIENDE
AGRICOLTURA
NEWS DAL MONDO AGRICOLO
BERGAMOTTO
PREZZIARIO REGIONALE
GUIDE L'AGRICOLTURA
PRODOTTI TIPICI
SPORT
NEWS DALLO SPORT
FC MELITESE
RADIO CALABRESI
RADIO STUDIO 95
RADIO MELITO
RADIO TURING 104
RADIO VENERE
STADIO RADIO
GOCHI FREE
TUTTI I GIOCHI DA SCARICARE
GIOCHI FLASH ON LINE
GDR L'ISOLA DEI VIAGGI
TOP FREEWARE
PROGRAMMI FREE
SFONDI PC
SUONERIE CEL FREE
MANUALI
UTILITA'&OPPORTUNITA'
CURRICULUM ON LINE
UNIVESITA' CALABRESI
VARIO
NORME DI PRIMO SOCCORSO
BARZELLETTE
ALLEGATI ALLE MAIL
AFORISMI
FRASI X OGNI OCCASIONE
CARTINE STRADALI
DISEGNI DA COLORARE
PREGHIERE
RUBRICHE NAZIONALI
A COME AMBIENTE
NOTIZIE DAL GOVERNO
GUIDA ALLA NORMATIVA FISCALE
 
HOME
 

Controllo biologico:

come acquistare gli insetti utili?

Sviluppare un piano
Prima di decidere di impiegare insetti utili, dovresti possedere una buona conoscenza non solo delle specie dannose ma anche dei loro nemici naturali e delle diverse strategie che hai a disposizione per utilizzarli.
Dovresti essere in grado di individuare tempestivamente i diversi fitofagi perché nella pratica del controllo biologico le decisioni da prendere sono molte e frequenti (...e talvolta improvvise); se gli entomofagi vengono usati male è facile fallire per cui diventa importante individuare le specie utili più adatte a risolvere il problema, verificare che la qualità degli insetti acquistati sia elevata ed, infine, determinare quando e quanti insetti impiegare.
In casi di necessità è possibile ottenere un valido aiuto affidandosi a professionisti ben preparati, all’assistenza tecnica offerta dalle biofabbriche ai propri clienti, agli esperti degli Istituti di Entomologia Agraria delle Università.
Acquistare con attenzione
"Stai sempre attento!" è un buon concetto da tenere presente ogniqualvolta fai un acquisto e con gli insetti utili non si fa eccezione. Nel mercato esistono diversi venditori: alcuni pretendono di farti comperare specie o prodotti di cui non hai bisogno, altri non sono in grado di fornirti il sostegno tecnico indispensabile per aiutarti a raggiungere gli obiettivi.
Dal momento che tu non compereresti mai insetticidi da qualcuno che per hobby si diverte a farne miscele nel retrobottega, dovresti pretendere un’elevata professionalità anche dalle aziende che vendono o distribuiscono insetti utili. Per ogni specie a cui affidi la difesa delle tue colture dovrebbero essere state effettuate e messe a disposizione approfondite ricerche scientifiche.
Quando dovrai decidere a chi rivolgerti per acquistare gli insetti, potrà tornarti utile effettuare una serie di domande che ti aiuteranno a capire se si tratta del meglio per le tue esigenze:
Chi ti vende gli insetti, provvede a fornirti di un servizio di consulenza che ti aiuti ad individuare un piano di lotta biologica o integrata adatto a risolvere i tuoi problemi?
Ti fornisce in anticipo precise istruzioni su come maneggiare ed impiegare gli insetti prima che ti vengano consegnati?
Il materiale arriva tempestivamente, tramite corriere, all’interno di contenitori refrigerati?
Il produttore/venditore di insetti utili si impegna a rispettare gli "standard" internazionali per garantire la qualità dei suoi prodotti? Per esempio:
a) provvede a dirti con esattezza qual è la specie che riceverai e chi ne ha effettuato la determinazione?
La classificazione delle specie deve essere fornita da riconosciuti esperti tassonomici che non necessariamente devono far parte dello staff aziendale. Il nome dell’insetto dev’essere espresso in latino, indicando genere e specie, per esempio: Encarsia formosa. Se dovesse apparire il nome Encarsia spp., non potrai sapere esattamente quale sia la specie che ti è stata consegnata, perciò sia tu che il tuo venditore non sarete mai sicuri se quel tipo d’insetto potrà funzionare per risolvere il tuo problema.
b) Quanti sono gli insetti che hai ricevuto?
Questo dato ti dovrà esser fornito da un numero che esprime una media, più o meno uno scarto. Sii inoltre consapevole che per alcune specie di insetti utili solo le femmine sono in grado di attaccare i fitofagi (questo, per esempio, vale per tutti i parassitoidi), per cui dovresti esser informato anche sul numero di femmine che ti arriveranno.
c) Quanto vigorosi sono gli insetti che stai per utilizzare? Una volta giunti a destinazione, saranno nelle condizioni fisiche adatte per effettuare la loro azione di controllo dei fitofagi? E qual è, di solito, la loro capacità di controllo?
Oltre a tenere conto di quanto esposto al punto 3, è giusto poter conoscere i valori relativi a fecondità media, numero percentuale di femmine (sex ratio), durata della vita e delle fasi di sviluppo delle popolazioni di insetti da cui provengono quelli che hai acquistato.
In alcuni casi potrebbe essere importante avere informazioni specifiche anche sulla percentuale di individui alati (per esempio: gli imenotteri parassitoidi del genere Trichogramma possono, talvolta, perdere la capacità di volare se allevati negli insettari), oppure sulla percentuale di individui parassitizzati (per esempio: gli individui del coccinellide Hippodamia convergens non provengono da allevamenti, bensì raccolti dai siti naturali di svernamento: è pertanto probabile che anche una parte significativa del quantitativo acquistato possa morire anzitempo e diffondere i parassitoidi del coleottero anche nel nuovo ambiente d’impiego).
Per verificare se i dati che ci vengono comunicati siano attendibili, è buona abitudine confrontarli con quelli di pubblicazioni scientifiche (naturalmente di autori che non siano "di parte").
d) Quanti insetti vivi hai potuto veramente liberare sulle tue colture?
Se serio, il produttore/venditore dovrebbe insegnarti ad effettuare da solo questa verifica. Tutto ciò diventa molto importante poiché si tratta dell’unico metodo che hai a disposizione per conoscere la quantità effettiva di insetti che hai impiegato.
Il tuo fornitore è in grado di offrirti soluzioni ragionevoli per i problemi che potrai incontrare? Ti segue per aiutarti a raggiungere gli obiettivi?
Valutare il programma di controllo biologico
Se vuoi capire quanto efficace potrà essere il programma di controllo biologico che hai deciso di intraprendere, prima di cominciare, dovresti imporre una serie di condizioni. Infatti, a posteriori, sarà più facile stabilire se quanto è stato fatto si è rivelato veramente un successo se:avrai a disposizione parcelle "trattate" rispetto ad una o più "non trattate".
Usa gli insetti utili solo nelle parcelle "trattate"; nella(e) rimanente(i) impiega i metodi di controllo tradizionali senza introdurre alcun insetto. Le parcelle dovrebbero essere abbastanza distanti da non venire interessate reciprocamente da fenomeni di "deriva", sia dei pesticidi, sia degli entomofagi. Personale specializzato che possa aiutarti in questo senso lo puoi contattare presso gli Istituti di Entomologia Agraria delle Università, gli Osservatori per le Malattie delle Piante, alcuni Enti per lo Sviluppo Agricolo e le migliori biofabbriche.
Individua quali rilievi effettuare nelle diverse parcelle.
Alcuni esempi ti potranno aiutare:
- verifica la quantità di insetti utili che effettivamente è stata impiegata (vedi il paragrafo "Acquista con attenzione", punto 4);
- se hai impiegato parassitoidi, cerca di individuare anche la percentuale di fitofagi parassitizzata;
- rileva la densità (determinata come numero per pianta o per m2 o per fila) degli stadi dannosi del fitofago prima e dopo l’impiego dei suoi nemici naturali (i quali, ricorda, hanno bisogno di più tempo rispetto agli insetticidi per ridurre numericamente le popolazioni di insetti dannosi);
- fai una stima del livello di dannosità raggiunto dai fitofagi e confrontalo col raccolto ottenuto
 
Suggerimenti, correzioni e/o commenti sono apprezzati: contattare Luca Conte (E-mail: contelu@libero.it)
TORNA A : NEWS DAL MONDO AGRICOLO
in collaborazione con Ciccio il Gigante Buono
 
Informazioni sulle principali aziende produttrici/rivenditrici di insetti utili operanti in Italia
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  Cos'è l'agricoltura biologica
  Controllo e certificazione
  Sostegno delle aziende agricole biologiche
  Associazioni ed Organismi di Controllo e Certificazione relativi alle produzioni alimentari ottenute con metodo biologico in conformità al regolamento CEE 2092/91:
  Cosa bisogna fare per ricevere i contributi previsti dalla normativa
  Bergamotto
 
REGGIO CALABRIA
MELITO PORTO SALVO
INFO & NOTIZIE
 
 
FOTO
 
Grazie a tutti quelli che fino ad oggi hanno visitato il sito ed hanno dato buoni  consigli per l'ampliamento ed il miglioramento del servizio !
Nta Calabria Copyright 2001 (ntacalabria) Tutti i diritti riservati 

 

=>MaKo2002<=